Spagna
0

Ibiza fuori stagione, elenco di cose da fare

ibiza fuori stagione2Ibiza la folle, quella che non dorme mai. Ibiza degli eccessi, delle giornate pigre e calde in spiaggia, alle notti bollenti passate in discoteca. Dalle luci dello strobo a quelle dell’alba. Tutto cambia, se vuoi andare ad Ibiza fuori stagione, quando ancora dei nottambuli neanche l’ombra. Perché andarci? Per il mare blu, la natura che irrompe, la tranquillità… ma non solo, leggi qui!

Ibiza fuori stagione è una sorpresa, una coccola da vivere con lentezza.

L’ho scoperto solo una volta lì, complice un volo a pochi euro e la voglia di una pausa dai ritmi lavorativi.
Ibiza non è come la ricordavo.
Forse perché non l’avevo guardata affatto. Con la nomea di isola un po’ folle, siamo partite anni fa con un volo ryanair; magliette dello stesso colore, futura sposa con il velo in testa, mojito e divertimento fino all’alba.
Di lei ho vissuto tutti i cliché.

Ma poi sono tornata fuori stagione è ho trovato un’isola diversa.

L’isola della lentezza

Ibiza fuori stagione si trasforma. I locali sono per metà chiusi, alcuni stanno sistemandosi per la stagione, ritinteggiando le pareti o riarredando gli interni.
Le giornate scorrono lente, all’insegna dell’ozio. I pochi turisti, per lo più nordici, trovano il proprio angolino di pace in spiaggia, in qualche anfratto al riparo dal vento.
Per godere a pieno delle spiagge più belle di Ibiza quando ancora non sono prese d’assalto, vi consiglio la parte nord dell’isola, dove troverete calette stupende come Cala San Vicente, oppure la lunga spiaggia di Las Salinas, all’interno del Parco Naturale delle Saline e Es Cavallet.

Noi abbiamo soggiornato in un appartamento proprio di fronte a Cala Vadella, una spiaggetta davvero carina, forse meno conosciuta ma con un’acqua davvero invidiabile.
Bellissimo il punto panoramico che si raggiunge dopo pochi metri di salita che costeggia lo strapiombo.ibiza fuori stagione4

ibiza fuori stagione7

Ma questo è il momento di perlustrare anche le spiagge che in alta stagione sono impossibili a causa dell’alta densità di persone che vi si accalcano: Playa d’en Bossa e Cala Conta.

L’isola dei sapori tipiciibiza fuori stagione78

Devo ammettere che con una bambina di un anno ho messo un pochino da parte il mio passatempo preferito: l’assaggio sfrenato di tipicità locali.
Scegliere l’appartamento vuol dire cenare in casa per non farla stancare troppo e, ahimè, rinunciare anche a scovare ristorantini tipici; cosa che adoro fare quando sono in viaggio.
Però non sono mancate le scorpacciate di paella ibizenca, olive e salsa allioli (serviti sempre prima di ogni pasto) e tapas. È stata anche la volta della sangria bianca, servita con frutta e vino bianco.

Per concludere la cena viene servita la Hierbas, un liquore a base di anice e erbe ibizenche.

L’isola della natura

La parte che in assoluto mi è piaciuta di più di Ibiza riguarda il lato naturale dell’isola.
Le escursioni da fare sono parecchie e, ovviamente, non abbiamo potuto vedere tutto quello che avremmo dovuto.
Immancabile è la vista da Es vedrà, una roccia calcarea che spicca in mezzo al mare formando un suggestivo panorama. Questa isoletta disabitata fa parte di una riserva naturale, assieme a Es Vedranell e altre sette piccolissime isole.

Dicono che il momento migliore per osservarla sia il tramonto e nonostante io ami il cielo che si tinge di rosa, per questa volta ho voluto fare l’alternativa. Guardate che colori.ibiza fuori stagione8
Altro paradiso naturale è il Parco delle Saline. Per arrivare all’ingresso di Las Slainas, si percorrono con l’auto strade immerse negli scenari delle saline: bellissimo e suggestivo.
Una volta dentro, si può parcheggiare l’auto e fare una lunga camminata in spiaggia, fino ad arrivare al forte.

L’isola pittoresca

Casette bianche, porticine dai colori pastello, vasi fioriti, muri scrostati, gatti, e panni appesi alle finestre.
Mura, pavimenti acciottolati, una vista spettacolare sulla città.
Sto parlando di Dalt Vila, il modo migliore per ripercorrere la storia di Ibiza seguendo le tracce di tutte le civiltà che vi sono passate.ibiza fuori stagione5

ibiza fuori stagione6

E se vi viene voglia di riscoprire l’isola degli Hippy?
Non vi resta che fare tappa in un dei tanti mercatini vintage che si tengono in determinati giorni, nelle zone circostanti.
Noi siamo stati a Las Dalias, (ogni sabato dell’anno dalle 10 alle 20) uno dei più caratteristici e colorati. Purtroppo però la pioggia è voluta venire con noi e quindi, ombrello alla mano, ci siamo girati il mercatino inumiditi e un po’ infastiditi.
Vi consiglio di non perdervi questo mercatino e i suoi eventi estivi a tema come il namastè: tutti i mercoledì le bancarelle vengono allestite di decorazioni indù e si può cenare a base di prodotti vegetariani, assistendo a spettacoli musicali.

ibiza fuori stagione

In alternativa potete visitare Es Canar, a detta di tutti più commerciale o chiedere in giro di altri mercatini vintage più piccoli.

Condividi:
  • googleplus
  • linkedin
  • tumblr
  • rss
  • pinterest

Scritto da Stefania Pozzi

Da grande vorrei viaggiare e scrivere di viaggi, nel frattempo provo a viaggiare e a scrivere di viaggi. Social Media Specialist, Travel Blogger e Founder di diquaedila.it

Ci sono 0 commenti

La tua opinione contribuisce alla ricchezza del mio blog!

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *